Don Merola

01 ottobre 2012 | Pensieri Puliti

Ad Acciaroli (SA), in un bellissimo faccia a faccia sul palcoscenico, ho incontrato Don Luigi Merola, l’ex parroco di Forcella che da anni gira seguito da tre uomini di scorta. La camorra lo vorrebbe morto e dal 2004 lui vive blindato.
Parlandoci a lungo sul palco ma soprattutto lontano dai riflettori, ho scoperto con imbarazzo che un uomo coraggioso è come noi, ha paura come noi, ragiona come noi, è stanco come noi. Unica differenza sostanziale, lui ha deciso di scendere in campo e di agire. Ha trasformato il pensiero in azione. È un figo Don Luigi, elegante e poi dice un sacco di cose che fanno pure ridere.
Qualche giorno fa in autostrada una signora lo ha riconosciuto all’interno di un autogrill. Tutta eccitata ha chiamato il figlio e gli ha detto – Vieni qui, guarda chi c’è! Il prete della camorra!!! – Don Luigi ci ride sopra e racconta di aver detto alla signora che lui casomai è il prete anticamorra… ma a parte questo, Don Luigi mi ha poi detto che non dovrebbero esistere preti anticamorra. Dovrebbero esistere semplicemente preti. Un sacerdote non può essere per definizione camorrista e neppure voltarsi dall’altra parte. Mi è piaciuto molto Don Luigi, è tosto, simpatico e spero che la scorta e soprattutto Dio continuino a proteggerlo, perché se lo merita.
Lui ha fondato un associazione che si chiama “A voce d’e creature”, serve per aiutare i ragazzini che vivono nei quartieri disagiati. Dai pensieri di questi guaglioni è nato un libro e ad Acciaroli ne ho acquistato uno. Don Luigi me lo ha autografato; c’ha scritto “sii sempre la sentinella della tua famiglia e della tua città”. Impegno mica da ridere! E comunque chiudo con qualche pensiero pulito scritti dai ragazzini di Don Merola e pubblicati nel libro. Fanno ridere, fanno piangere, fate voi… Compratelo questo libro, i soldi vanno direttamente alla fondazione.

“A Napoli è un bel problema la disoccupazione, perché chi deve dare lavoro, lo va a cercare lui per prima”.

“Noi a Castellamare siamo per metà uomini e per metà disoccupati”.

“Il lavoro minorile lo faccio assieme a mio padre. Ci alziamo alle 5 del mattino e andiamo al mercato. Poi vengo a scuola. Lì comincio ad essere stanco”.

“Io, mio padre, per via del suo lavoro continuo, lo conosco solo in percentuale. Quando andrà in penzione lo conoscerò totale”.

Commenti

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento