“Ad ali spiegate” III Memorial dedicato ad Angelo D’Arrigo

02 luglio 2009 | Eventi

Nello scenario incantevole del teatro greco di Taormina, Donatella Bianchi e Luca Pagliari conducono il terzo Memorial dedicato ad Angelo, deltaplanista, scienziato e sognatore. Per il terzo anno Luca ha l’onore di prendere parte a questo magnifico evento.

Il premio Angelo D’Arrigo, riconoscimento dedicato al deltaplanista e scienziato del volo morto tre anni fa in un incidente aereo andrà quest’anno a Margherita Hack e le verrà assegnato dal vincitore dello scorso anno Piero Angela.

Nel corso della serata, presentata da Donatella Bianchi e Luca Pagliari e diretta da Manolo Luppichini, si esibiranno numerosi artisti come i Kataklò, la PFM, Mario Biondi, Roy Paci.

La totalità dell’incasso servirà a finanziare il prossimo progetto della Fondazione Angelo D’Arrigo.

Ecco una foto dello scorso anno con Luca Pagliari, Laura Mancuso, Piero Angela e Donatella Bianchi.

catania-aprileali-2008-luca-con-laura-mancuso-piero-angela-e-donatella-bianchi

Commenti

Maurizio Spagna

19.06.10 22:05

“Mio caro amico dalla volta celeste, una preghiera che mi ha aiutato nel dolore”

AQUILOTTI D’ANGELO
…Il tuo deltaplano tracciato dagli uccelli sostiene un’impresa…d’innata libertà…

Le traversate,
Attraversate
E migrate
Con gli aquilotti alati…
Schiusi e ascoltati,
Nel tuo volo di poeta e padre dell’aria.

Una croce bianca…nel soffio planato;
Libero in segno di preghiera
Sollevi stormi di paura libera,
Caldi nel cielo…freddi nei vuoti virati
E in un passo a spasso di vento proprio,
Il tuo trillo spiegava l’esteso orizzonte
Agli aquilotti rifugiati nel limite
Del primo sorvolo di un monte.

La compagnia,
Più in là della tua cordiale follia
Raggiunse il futuro estinto
In lacrime ghiacciate…
Nel freddo delle nostre facciate,
Portati nel coraggio poetico
A sibilare i venti con i tuoi eventi.

Osservatore paziente della libertà
Nel tuo volo di poeta e padre dell’aria,
Schiudi !!!
La tua croce bianca…lassù !!!
Leggero in segno di preghiera
Nella conquista dei cieli smessi
E allevati nei messi aquilotti.

Un ricordo prezioso ad un caro amico, Angelo D’Arrigo:

Il primo uomo a raggiungere con il suo deltaplano quota 9000.
Sospeso libero nell’aria a vivere le sue fantasie,
A liberare vita negli aquilotti accuditi in volo,
A vivere la libertà in sopravvivenza,
A vivere oltre il giorno…
A vivere.
Memorie smarrite in uliveti di verità..
26/03/2006

©
di Maurizio Spagna
Da “Il cuore degli Angeli”
http://www.ilrotoversi.com
info@ilrotoversi.com
L’ideatore creativo,
paroliere, scrittore e poeta al leggìo-

Lascia un commento